"
"
 
Ci sono 49 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo




\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
(Inserito da: Redazione il 30/06/2009 alle 17:00:08, in Notizie, linkato 824 volte)
In Giappone la passione per la vecchia Fiat 500 è enorme: numerosi e avidi collezionisti restaurano in modo quasi maniacale modelli d’epoca, e c’è anche chi è disposto a pagare una fortuna per averne una. A volte, poi, qualcuno si lascia prendere la mano. Kogoro Kurata, un falegname nipponico, è il protagonista di questa strana trasformazione. La sua creatura è stata ribattezzata Fiat Cinque Tank, con i cingoli di una vecchia ruspa caterpillar al posto delle ruote e una pala meccanica davanti al cofano. Il folle mezzo si muove a una velocità massima di 5 km/h, divorando fango e sterrati. Sicuramente è meno ingombrante di un normale buldozer. (Quattro Ruote)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
(Inserito da: Redazione il 28/06/2009 alle 16:07:02, in Eventi, linkato 752 volte)
Simpatica e ben organizzata dal gestore del bar “Il Re del Caffè” di Maurizio Valerioti e con il valido ausilio di Gianni Giubberi la seconda edizione del Mini Raduno svoltosi nel quartiere di Morena a Roma, dove si sono raggruppate una trentina di auto, in prevalenza Fiat 500 che sono state ospitate nell’adiacente area e ad ogni conduttore è stata offerta una gustosa colazione e una piacevole maglia raffigurante la mitica Fiat 500. Come maggior attrazione era presente la macchina originale della serie TV “K.I.T.T. Supercar” che ha dato dimostrazione delle sue capacita rispondendo alle domande formulate dai presenti. È seguito il giro nelle vicinanze per poi tornare per pranzo nello stesso locale che funge anche da tavola calda. Una piacevole giornata trascorsa assieme a tutti i partecipanti all’insegna della buona tavola e del buon umore!!! Vedi la galleria fotografica...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
(Inserito da: Redazione il 21/06/2009 alle 18:18:08, in Eventi, linkato 741 volte)
Anche quest’anno in concomitanza dei festeggiamenti della Festa dell’Agricoltura si è svolto l’ennesimo raduno di Fiat 500 che ha raggruppato circa un centinaio di veicoli marcianti e ben curati, sinonimo di orgoglio dei loro proprietari, che li hanno ordinatamente collocati in bella mostra presso l’area attrezzata già ospitante i vari stand agricoli e artigiani. In questi spazi si avvertiva la sensazione di rivivere il passato, si intravedevano esposti attrezzi ed utensili agricoli totalmente artigianali usati dalle precedenti generazioni nei campi per arare, seminare per poi raccogliere i frutti del loro duro lavoro. Al centro, le mitiche auto anch’esse d’epoca che dopo aver sostato per un breve periodo si sono incolonnate per effettuare un lungo e chiassoso tour tra le spettacolari campagne e i paesi limitrofi per poi ritornare sul luogo iniziale dove si è svolta la premiazione per tutti i partecipanti iscritti con la consegna di un meraviglioso gadget, un orologio da scrivania tutto incorniciato in legno, al termine ci si è recati al vicino ristorante “La Noce” di Segni dove si è effettuato un ricco e gustoso pranzo in armonia e serenità. Un riguardoso augurio è rivolto Silvano Colagiacomo, Presidente dell’Associazione della Festa dell’Agricoltura e promotore ed organizzatore assieme ai suoi più validi collaboratori di questo raduno, per essere divenuto in questo giorno di nuovo nonno di una stupenda nipotina di nome Alisja. Vedi la galleria fotografica...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
(Inserito da: Redazione il 20/06/2009 alle 20:33:52, in Eventi, linkato 1434 volte)
Un incontro ben programmato è stato quello svoltosi sabato 20 giugno in concomitanza con i festeggiamenti della Chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Ciampino. Il comitato festeggiamenti degnamente rappresentato dal suo Presidente Monsignore Carlo Passamonti e il suo vice signor Umberto Cetroni, al quale rivolgiamo i nostri più sentiti ringraziamenti per averci permesso con la loro benevola approvazione di svolgere l’incontro d’auto e moto d’epoca dando così modo a coloro che coltivano questa passione di rincontrarsi per trascorrere in virtù della serenità e del buon vivere un pomeriggio assieme. Questa importante festa patronale che, affonda le sue radici a circa 70 anni fa, ieri nel tardo pomeriggio ha assistito per la prima volta all’apertura ufficiale dell’evento con il conseguirsi delle funzioni religiose al cospetto delle massime Autorità Religiose e dell’Amministrazione Comunale di cui il Sindaco di Ciampino Ing. Walter Enrico Perandini. La giornata seguente, di domani domenica 21 sarà ricca di appuntamenti con la partecipazione mattutina delle Unità Cinofile e degli Artificieri della Polizia di Stato che daranno delle dimostrazioni pubbliche del loro operato, nel pomeriggio ci sarà la simulazione da parte del gruppo della Croce Rossa Italiana di Ciampino, in serata si potrà ascoltare il meglio della musica italiana con l’Orchestra “La macchina del Kapo” seguirà l’estrazione della lotteria ed infine si concluderà il tutto con dei magnifici fuochi d’artificio. Ma venendo al raduno odierno, giunti con le nostre vetture rombanti nella piazza centrale di Ciampino, riservataci per l’occasione, ci siamo posizionati ordinatamente in bella mostra per far ammirare i nostri gioielli d’epoca. Presenti molte Fiat 500 che apparentemente sembrano standard ma in effetti osservandole attentamente si possono distinguere le loro differenze tipologie come la versione D cabrio, la Giannini totalmente originale o anche le versioni con apporti personalizzati come il rivestimento interno in vero pitone o il cruscotto riprodotto artigianalmente in legno sagomato. Dopo poco siamo stati invitati ad un gradevole happy hour ed in seguito affiancati dalla Polizia Locale abbiamo effettuato un giro panoramico nel circondario della cittadina per poi ritornare di nuovo in piazza della Pace per la sistemazione dei veicoli e recarci a fare uno spuntino rustico nelle immediate vicinanze. Al termine, è stato consegnato un simpatico ricordo della manifestazione ed effettuato un sincero brindisi augurale e un arrivederci al prossimo anno. Un particolare encomio va rivolto alle forze dell’ordine, alla Polizia Municipale, alla Protezione Civile e ai volontari dediti al buon andamento dell’intera manifestazione e a tutti coloro impegnati costantemente nell’attività pastorale dei stessi festeggiamenti. Vedi la galleria fotografica...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
(Inserito da: Redazione il 20/06/2009 alle 10:14:35, in Notizie, linkato 539 volte)
Il 22 Giugno 1934 è stato un giorno che ha cambiato la storia di tutta l’industria automobilistica: proprio in quella data, infatti, Porsche riceveva il via libera dal Reich per la costruzione della Volkswagen. In quei tempi di difficile congiuntura economica il grande Ferdinand Porsche concepì l’idea di auto globale, economica ed in grado di motorizzare l’intera nazione: l’alter ego della nostra Fiat Topolino, poi 500. Il progetto iniziò già nel 1933, presentando al Ministero dei Trasporti del Reich uno “Studio per la produzione di un’auto per il popolo tedesco”, molto semplicemente, Volkswagen. Il primo prototipo di Volkswagen, la V1 (V = Versuchswagen, auto di prova) vide la luce nel Luglio 1935 e già conteneva in sé tutti gli elementi che ne decretarono il futuro successo commerciale e la straordinaria longevità: telaio tubolare, barra di torsione Porsche e il 4 cilindri boxer raffreddato ad aria montato al posteriore. Contrariamente alla prima idea di costruire la Volkswagen in joint venture, il governo optò per un impianto separato: nacque così la Volkswagenwerk di Wolfsburg. Ad un prezzo estremamente basso, stabilito in 990 Marchi, la Volkswagen sarebbe risultata facilmente accessibile per l’acquirente medio, se non fosse che a causa dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale non ne fu venduta neanche una ed il progetto fu convertito per scopi militari: nacquero così la Kubelwagen, l’anfibia Schwimmwagen e la Kommandeur-wagen, l’auto su cui si spostavano i gerarchi nazisti. Si è dovuto attendere sino all’estate del 1945 per l’inizio della regolare produzione della Volkswagen in quel di Wolfsburg; per la sua linea si conquistò subito il simpatico soprannome di “VW Käfer” o “VW Beetle” (Maggiolino), con il quale è divenuta famosa in tutto il mondo. Il Maggiolino detiene il record di auto più longeva ed auto più venduta. La linea di produzione in Messico è stata fermata solo nel luglio 2003 e si contano 21,5 milioni di unità costruite, una cifra davvero inarrivabile. Per il 75° anniversario il Museo Porsche di Stoccarda organizzerà una mostra speciale dedicata all’Auto del Popolo a partire dal 22 Giugno in cui saranno esposti alcuni rari esemplari dei prototipi del Maggiolino. (Motori)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
(Inserito da: Redazione il 16/06/2009 alle 17:07:35, in Notizie, linkato 527 volte)
Cosa non fanno le case pur di farsi notare: Fiat, in vista del Salone di Francoforte del prossimo settembre, ha portato una nuova 500 C all’Aeroporto, parcheggiandola...sul soffitto. In questo caso, evidentemente, la parte più interessante dell’auto è il tetto apribile in tela, che richiama quello della sua nonnina del 1957. Seguendo questa logica, anche il parcheggio selvaggio in foto assume una sua ragion d’essere... (Auto Blog)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
(Inserito da: Redazione il 15/06/2009 alle 09:06:53, in Notizie, linkato 489 volte)
Per i pochi che ancora ricordano questo nome, Gordini è solo un marchio apposto ad alcune versioni sportive delle Renault anni settanta, caratterizzate da una livrea blu Francia con strisce bianche. In realtà Amédée Gordini (nato Amedeo) è stato uno dei più prolifici e geniali preparatori di vetture da corsa del secolo scorso, al pari forse solo di Karl Abarth e John Cooper. Dall’apertura di una propria officina nel 1926 e l’ottenimento della nazionalità francese nel 1929 comincia per Gordini un periodo d’oro che lo vede diventare agente Fiat, vincere una serie di gare con vetture da lui elaborate ed entrare in affari con Enrico Teodoro Pigozzi, fondatore della neonata SIMCA. Grazie ai finanziamenti di quest’ultimo l’attività agonistica di Gordini prende il volo e con le sue vetture ottiene una serie infinita di successi fra il 1936 e il 1952. Il “Mago”, o “Le Sorcier” come viene soprannominato nella patria d’adozione, porta al successo la propria squadra corse con piloti del calibro di Jean-Pierre Wimille, Maurice Trintignant, Raymond Sommer, il principe Bira e il giovane Juan Manuel Fangio scoperto nel 1948 in Argentina e portato in Europa da Gordini. Dopo una serie di partecipazioni personali e con altri piloti alla 24 Ore di Le Mans, Gordini apre un nuovo capitolo della sua carriera avviando la collaborazione con Renault. È il 1957 quando viene presentata la prima creatura Renault- Gordini, quella Dauphine da 37 CV prodotta in 10mila unità e che regala al nuovo sodalizio la vittoria di categoria alla Mille Miglia ‘57 e la vittoria assoluta al Monte Carlo e al Tour de Corse ‘58. I potenti e affidabili motori elaborati dal “Mago” vengono adottati anche sulle berlinette da competizione Alpine e René Bonnet, mentre negli anni successivi le sportive Reanult marchiate Gordini si arricchiscono di Dauphine Gordini R109, Ondine Gordini, Dauphine Competition R1093 (vincitrice al Tour de Corse 1962) e, nel 1965, Dauphine Gordini R1095. Scomparso il 25 maggio 1979, Gordini lascia in eredità al reparto sportivo Renault una serie impressionante di brevetti, di progetti e di esperienze che formano gli ingegneri francesi per generazioni, tanto che sul coperchio valvole del 6 cilindri turbo delle prime Renault di Formula Uno rimane per anni la scritta “Renault Gordini”. Quello che noi e tutti gli appassionati di automobilismo si augurano è che anche il nostro paese possa degnamente celebrare Amedeo Gordini che, nonostante abbia scelto la Francia quale patria d’elezione come già fece un tal Ettore Arco Isidoro Bugatti, a 110 anni dalla nascita merita i riconoscimenti che spettano a un autentico genio italiano. (Omni Auto)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
(Inserito da: Redazione il 14/06/2009 alle 18:36:05, in Eventi, linkato 1038 volte)
Giornate molto torride che annunciano l’immediato arrivo della stagione estiva, ecco come si è presentata la domenica del 14 giugno, divenendo un vero e proprio invito ad abbinare due gradevoli piaceri, quello di ritrovarsi in compagnia di amici e conoscenti al raduno svoltosi nella stupenda cittadina marittima di Anzio e l’altro di concedersi quel momento di svago per andare ad immergersi nelle piacevoli acque cristalline della costa tirrenica. Possiamo parlare di una esperienza rara e ben organizzata da Alfonso Pupo per gli amici Nino, coordinatore dell’Europa Club Fiat 500 che arrivato al suo 3° raduno ha voluto accogliere le numerose vetture in Piazza Pia situata nel centro storico ma, nel contempo adiacente alla spiaggia. Presenti alla manifestazione l’assessore Giuseppe Mercuri, l’amministratrice delegata del suddetto club Cinzia Amati che assieme ad altri coordinatori provenienti da altre sedi hanno voluto presenziare all’evento del loro amico. Al mattino, dopo l’accoglienza dei veicoli ed l’invito agli ospiti di consumare una ricca colazione presso uno dei più eleganti bar della piazza, per chi lo desiderava è stata data l’alternativa di recarsi presso la vicina spiaggia per godere di un momento di relax tuffandosi con tanto di “costume pinne ed occhiali” nelle azzurre e placide acque marine, per poi ricomporsi con una piacevole doccia e proseguire, assieme agli altri intervenuti, nell’itinerario già programmato del tour della cittadina per poi ritornare di nuovo al punto iniziale per proseguire con la premiazione di tre categorie specifiche, presenti al momento, quella del “conducente più anziano” è andata a Franco Benedetti, per “ l’auto più vecchia” è andata a Dante Ciasca infine, “l’auto più originale” è risultata di proprietà di Mauro Di Girolamo. Al termine, è seguito il pranzo presso un noto ristorante sul porto ed il discorso di commiato con l’augurio di ritrovarsi sempre più numerosi con tanta voglia di passare una gradevole giornata come l’odierna al prossimo appuntamento annuale. Vedi la galleria fotografica...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
(Inserito da: Redazione il 11/06/2009 alle 19:32:36, in Notizie, linkato 513 volte)
Ben cinque Fiat 500, decorate dall’artista britannico Damien Hirst, sono state fra i premi in palio in un’asta di beneficenza svoltasi la settimana scorsa a Londra. Le vetture, donate dal Gruppo Fiat e personalizzate dall’intervento artistico di Hirst - che ha applicato delle farfalle su tutta la carrozzeria - hanno totalizzato la cifra complessiva di 440mila sterline (circa 628mila Euro). All’evento hanno preso parte importanti personaggi del mondo dello spettacolo. Fra questi la star di Hollywood Uma Thurman, la modella Eva Herzigova, la cantante Sinitta nonché numerosi business men e facoltosi esponenti del panorama industriale britannico. L’iniziativa è stata organizzata dall’associazione benefica ARK che ogni anno raccoglie fondi destinati ai bambini di tutto il mondo. “Sono immensamente grata al Gruppo Fiat e a Damien Hirst per il supporto e la generosità mostrata nei nostri confronti - ha detto Arpad Busson, Presidente di ARK -. Le cinque splendide 500 hanno aggiunto grande visibilità al nostro evento e ci hanno permesso di raccogliere ben 440mila sterline che andranno a favore delle nostre iniziative”. I vincitori dell’asta potranno ritirare le 500 presso il punto vendita Fiat della capitale britannica, in Wigmore Street. Inglese, 44 anni, Hirst è il capofila del gruppo artistico degli Young British Artists. Famose le sue opere che ritraggono corpi di animali imbalsamati (squali, pecore, mucche). Legato all’informale, all’action painting e alla pop art, le opere di Hirst sono noto anche per essere le più costose fra gli artisti viventi. (Motori)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
(Inserito da: Redazione il 09/06/2009 alle 09:54:38, in Notizie, linkato 438 volte)
Una Fiat 500 a metano? Entro il 2012 potrebbe arrivare sul mercato. L’anticipazione arriva direttamente dai vertici della Fiat e consacra il gas naturale a carburante alternativo strategico per il gruppo torinese che grazie anche alla spinta degli incentivi statali, prevede di archiviare il 2009 con un volume di vendite di auto a metano in Italia tra le 100 mila e le 140 mila unità. Una crescita senza precedenti per il Lingotto, che è stata stimata oggi da Daniele Chiari, Senior VP Product Portfolio Planning & Institutional Relatons Fiat Group Automobiles, intervenuto in occasione del Workshop sul metano in corso in queste ore a Roma. Il Gruppo Fiat crede molto nel potenziale di questo carburante alternativo e tra il 2009 e il 2012 amplierà la gamma di modelli a metano in listino. Tra le novità è probabile l’introduzione di una versione “pulita” della Fiat 500 che, come noto, condivide il pianale con la Panda, già reginetta commerciale in tema di alimentazione a gas naturale. In quest’ottica non è un caso che l’attuale campagna pubblicitaria della Fiat, che ha per protagonista la Grande Punto, miri a conquistare un pubblico giovane, come ci ha confermato Chiari. Un pubblico decisamente in target con la 500. Presupposto fondamentale affinché il Costruttore nazionale sviluppi ulteriormente l’offerta di prodotti a metano è che le Istituzioni intervengano garantendo innanzitutto la stabilità delle accise, per mantenere una convenienza sul prezzo alla pompa più conforme all’acquisto. (Omni Auto)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Titolo
Arte (1)
Attualità (2)
Cinema & Tv (1)
Comunicazioni (3)
Eventi (469)
Motori (1)
Notizie (131)
Pogea Racing (1)
Pubblicazioni (7)
Roma Cavalli (1)
Romeo Ferraris (1)
Sagre (1)
Tendenze (2)
Viaggi (1)

Catalogati per mese:
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Logo (1)

Le fotografie più cliccate

Titolo



20/09/2019 @ 03:33:50
script eseguito in 104 ms