"
"
 
Ci sono 68 persone collegate

Cerca per parola chiave
 

Titolo




Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
(Inserito da: Redazione il 02/10/2009 alle 20:26:52, in Notizie, linkato 570 volte)
Vedere per le nostre strade una Fiat 500 con una porta di casa montata sul tetto è già una cosa di per se strana, se poi dall’auto vengono lanciate baconote da 100 Euro allora diventa anche interessante. Purtroppo si tratta solo di fac-simili, utili però ad avere uno sconto dello stesso importo per l’acquisto di una porta Nusco, ideatore di questa stravagante campagna. Ecco quindi un buon esempio di “guerrilla marketing” che vede protagonista la 500! (Fans Blog)
 
(Inserito da: Redazione il 01/10/2009 alle 15:32:35, in Notizie, linkato 528 volte)
Il viaggio della Fiat 500 in America Latina continua. La city-car italiana, già presente in Argentina, Cile, Curaçao, Costa Rica, Guatemala, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Sain Martin e Paraguay, è stata lanciata oggi in Brasile, dove sarà commercializzata a partire da questo mese, un debutto che precede di poco quello in Colombia, Barbados e Panama, mentre prima della fine del 2009 arriverà anche in Giamaica. Quello brasiliano è un mercato fondamentale per Fiat che qui è già leader e possiede impianti produttivi da diversi anni. E proprio per questo il Gruppo torinese, che si sta preparando a lanciare la 500 negli Stati Uniti attraverso la rete di vendita Chrysler, vorrebbe produrla in Messico (paese, oltre a fare parte del North American Free Trade Agreement, ovvero l’accordo nordamericano per il libero scambio insieme a Canada e USA, ha favorevoli accordi di scambio commerciali con il Brasile), piuttosto che negli States, come auspicato dal Presidente Barack Obama per salvaguardare l’occupazione nazionale. La Fiat 500 commercializzata in Brasile, disponibile negli allestimenti Sport e Lounge, è proposta con il 1.4 16v da 100 CV abbinato a un cambio meccanico a 6 marce o a un cambio Dualogic a 5 marce (robotizzato sequenziale), ma il propulsore e le sospensioni sono state adattate alle esigenze del mercato locale. Infatti, il sistema di iniezione presenta una nuova calibrazione in funzione del 22% di etanolo presente nella benzina in commercio in Brasile. Allo stesso modo, sono stati cambiati alcuni componenti che sono a diretto contatto con questo particolare combustile. Anche le sospensioni sono state riviste in funzione delle strade brasiliane aumentando sia la flessibilità delle molle sia la corsa degli ammortizzatori. Il capitolo sicurezza invece non è stato toccato e la vettura, insignita delle “5 stelle Euro NCAP”, propone 7 airbag di serie (due anteriori, due window-bag, due airbag laterali e uno per la protezione delle ginocchia) e diverse soluzioni nel campo della sicurezza attiva: dall’ABS completo di sistema EBD (Electronic Brake Distribution) all’ESP (Electronic Stability Program), dal sistema antislittamento ASR (Anti Slip Regulation) ai dispositivi Hill Holder, che assiste il guidatore nelle partenze in salita, e HBA (Hydraulic Brake Assistance) che aiuta nelle frenate di emergenza. (Omni Auto)
 
(Inserito da: Redazione il 29/09/2009 alle 18:35:48, in Notizie, linkato 553 volte)
Il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, ha raggiunto la sede newyorkese dell’Istituto nazionale per il commercio estero (Ice) al volante di una Fiat 500. Obiettivo della visita il rilancio delle eccellenze italiane negli Stati Uniti e il rafforzamento delle alleanze industriali, scientifiche e tecnologiche. Alla riunione, organizzata dall’Ice, c’erano i rappresentanti di molte delle principali aziende e banche italiane presenti negli Usa: da Ferrari a Maserati, da Enel ad Eni, da Unicredit a Intesa San Paolo, fino a Fratelli Beretta, Prada e Damiani. Al termine dell’incontro, il ministro ha aperto la riunione dei direttori degli uffici Ice dell’area Nafta (North American free trade agreement), per esaminare le strategie promozionali da attuare nei prossimi mesi. Giovedì 1° ottobre, infine, Scajola incontrerà a Detroit l’amministratore delegato del Gruppo Fiat, Sergio Marchionne. (Quattroruote)
 
(Inserito da: Redazione il 25/09/2009 alle 11:06:39, in Notizie, linkato 558 volte)
In occasione del “51° Rally di Sanremo” Abarth ha presentato il suo ultimo gioiello da corsa. Si tratta dell’Abarth 500 R3T che nel 2010 darà vita a un trofeo promozionale nell’ambito dei rally, che si aggiunge ai due previsti in pista (europeo e italiano) con l’Abarth 500 Assetto Corse. Per la Casa dello Scorpione si tratta di un ritorno in una specialità che l’ha vista protagonista nell’ambito dei trofei promozionali per oltre trent’anni, sin dal 1977, quando venne organizzata la prima edizione del Campionato Autobianchi A112 Abarth, al quale sono succeduti i trofei Fiat Uno, Uno Turbo, Cinquecento, Seicento, Punto Kit e Super 1600, Stilo e Panda Kit. L’Abarth 500 destinata ai rally sarà omologata in Gruppo R3T, categoria delle vetture di cilindrata fino a 1600 cm3 dotate di turbocompressore. Una classe candidata ad essere il futuro della specialità, poiché rappresenta un buon compromesso tra costi e prestazioni delle vetture. L’ideale per i piloti privati e per i giovani che vogliono mettersi in evidenza con una vera automobile da corsa, capace di prestazioni di livello assoluto. Il propulsore dell’Abarth 500 è di 1368 cm3 con turbocompressore Garret GT 1446 a geometria fissa, in grado di erogare una potenza di 180 Cv (132 kw) a 5500 giri/minuto. Il cambio è sequenziale con innesti frontali e 6 rapporti, con differenziale autobloccante a lamelle, frizione bidisco e semiassi specifici. Molta attenzione è stata riservata alla possibilità di regolare le sospensioni per ottenere l’assetto che si adatti allo stile di guida di ciascun pilota. Gli ammortizzatori sono racing regolabili, con molla coassiale e ghiera per variare l’altezza da terra, piastrine specifiche per la regolazione degli angoli di incidenza e del camber. I freni sono Brembo, tutti a disco, anteriori ventilati con 4 pinze, posteriori a disco pieno con ripartitore e regolatore di frenata; il freno a mano è idraulico. L’Abarth 500 è dotata di un roll-bar specifico saldato e integrato alla scocca, dei necessari dispositivi di sicurezza e di sedili omologati FIA con cinture di sicurezza a 6 punti di ancoraggio. Il peso è quello minimo imposto dal regolamento di questa categoria: 1080 kg a vuoto. Molta attenzione è stata dedicata anche ai dettagli, a cominciare dalla livrea decisamente in linea con la tradizione, per passare alla cura degli interni e della strumentazione. (Mega Mondo)
 
(Inserito da: Redazione il 18/09/2009 alle 18:52:07, in Notizie, linkato 617 volte)
Semplicemente brutale. Eppure molto affascinante, seducente. Ecco alcune delle emozioni trasmesse dalla Hamann Largo, ovvero la Fiat 500 Abarth riveduta e corretta da uno dei più celebri tuner tedeschi. I punti di forza di questa “violenta” realizzazione sono molteplici. In primis il body kit completo, composto da scudo anteriore tormentato da molteplici prese d’aria che procede verso il suolo grazie ad un’inedita appendice munita di deflettori. Le ampie minigonne che dominano la vista laterale si raccordano ai paraurti grazie a passaruota moderatamente allargati, al fine di contenere generosissimi cerchi in lega da 18 pollici. Lo scudo posteriore ospita un estrattore degno di una vettura del DTM tedesco, mentre la linea di scarico presenta quattro generosi terminali a sezione tonda rivolti verso l’alto. Nessun improbabile alettone appesantisce la linea dell’Hamann Largo, raro esempio di tuning estremo capace di conservare equilibrio ed una certa eleganza. Le sorprese più sconcertanti arrivano comunque da sotto il cofano: non ci è dato sapere come, ma Hamann ha spremuto 265 cavalli dal propulsore 1.4 turbo della 500 Abarth. Un valore imbarazzante anche per la recente Abarth Tributo Ferrari vista a Francoforte, “ tristemente” ferma a quota 180 puledri. Molte le modifiche apportate anche all’interno della vettura, tutte in chiave rigorosamente sportiva e dal tono cromato cupo quanto il nero perlato che caratterizza la fotografia. Se mai incrocerete per strada questo piccolo “mostro”, magari intravedendo in lontananza lo spettrale bagliore delle sue luci diurne a LED, sappiate che il fortunato proprietario ha staccato un assegno da oltre 40.000 Euro. (Info Motori)
 
(Inserito da: Redazione il 11/09/2009 alle 17:11:09, in Notizie, linkato 611 volte)
Per festeggiare i suoi 50 anni di attività il tuner italiano Romeo Ferraris si regala una sfiziosa, vezzosa e quanto mai aggressiva 500 Abarth iperpotenziata e iperesclusiva, prodotta in serie ultralimitata e, attingendo alle esperienze acquisite nel monomarca 500 Abarth, dotata di un kit di potenziamento che solletica i palati più fini: un vero tuning del tuning. Verniciata in livrea bianco ghiaccio, la 500 Monza rende omaggio all'Autodromo di Monza proponendo i colori ufficiali della pista brianzola: due strisce rosso e blu su cofano e parafanghi posteriori, suggellate dal logo ufficiale della pista applicato sul montante centrale. Ulteriore personalizzazione estetica spicca nei fari bruniti e fregi verniciati in nero lucido, così come nei gusci degli specchi anteriori e le maniglie porta. Anteriormente una presa d'aria tipo Naca dà un pesante tocco di aggressività e, nel contempo, risponde a precisi criteri di preparazione meccanica. Posteriormente, un nuovo profilo estrattore disegna lo spazio centrale per un vistoso impianto di scarico con due impianti gemellati, soave reminiscenza della Porsche 997 GT3. Di bianco vestita, di bianco rivestita: anche all’interno la 500 Monza ripropone la tinta bianca (misto pelle/Alcantara) con lampi di rosso e blu. L'unicità di ogni singolo esemplare è sottolineata da una targhetta in ottone con inciso il nome del proprietario, che al momento della consegna riceverà tutti i certificati di autenticità e il numero di serie della vettura, marchiato in maniera indelebile anche sul pomello del cambio. La quadratura del cerchio si può raggiungere acquistando un kit di valigie specifico prodotto dalla Aznom, realizzate in pelle e carbonio, oltre ad una tuta sviluppata dai designer Romeo Ferraris. L'azienda di Opera ha spremuto dal piccolo 4 cilindri 1.4 con turbocompressore 260 cavalli, quasi il doppio del valore di serie. Ciò grazie a un nuovo turbocompressore maggiorato, nuova centralina elettronica, filtro dell'aria sportivo e un nuovo impianto di scarico. La trasmissione si avvale di un nuovo cambio sequenziale a sei marce e di un differenziale autobloccante al fine di renderla precisa, efficace e divertente, senza però, assicurano alla Romeo Ferraris di Opera, alle porte di Milano, renderla un oggetto impegnativo da guidare e gestire. La nuova forza propulsiva della piccola bomba torinese in salsa piccante milanese ha richiesto interventi anche al telaio: nuovo impianto frenante Brembo all'anteriore con dischi da 280 mm di diametro, pinze a quattro pompanti con materiale d'attrito tipo “racing”, assetto modificato in chiave sportiva, ruote specifiche da 17” (specifiche per Romeo Ferraris) con pneumatici da 205/40. Con una punta di orgoglioso snobismo, Romeo Ferraris non dichiara le prestazioni della sua 500 Monza, informazione inutile per un oggetto del desiderio che grida esclusività e desiderio di calcare l'asfalto di un circuito. Ma è comunque lecito sperare di non trovarsi mai al semaforo a bordo di una 500 Abarth (anche se con kit Esse Esse) con a fianco una 500 Monza. (Omni Auto)
 
(Inserito da: Redazione il 09/09/2009 alle 14:23:42, in Notizie, linkato 644 volte)
Uno dei pezzi forti che saranno presentati al prossimo Salone di Francoforte sarà una versione molto particolare della Fiat 500 Abarth: la 695 Tributo Ferrari. Questo modello colpisce esteticamente, con la sua colorazione Rosso Maranello, ma sono soprattutto il motore e la sua potenza che lasciano a bocca aperta: un 1.4 che eroga ben 180 cavalli. Insieme a questo propulsore, la Fiat ha montato un nuovo tipo di cambio meccanico robotizzato chiamato MTA (Manual Transmission Automated). Oltre all’aumento della potenza, sono state equipaggiate anche nuove gomme, ora da 17 pollici, e i cerchi, davvero molto sportivi. Ma non solo. Freni e assetto, made in Brembo, sono stati ulteriormente adeguati per le aumentate prestazioni. Al caratteristico colore della carrozzeria, si aggiungono i fari allo xeno, gli specchietti in carbonio e le prese d’aria anteriori. Gli interni sono curati nei minimi dettagli, sembrano quelli di una vettura del Cavallino. I sedili, con guscio in carbonio, hanno un peso ridotto di 10 kg rispetto a quelli della 500 normale. Il volante in pelle nera con dettagli rossi e la pedaliera in alluminio conferiscono senza dubbio un tocco di sportività ma anche la strumentazione non è da meno, sviluppata sul modello di quella delle Ferrari. Non resta che attendere il Salone di Francoforte per saperne di più su questa sportiva mascherata da citycar. (Universy)
 
(Inserito da: Redazione il 08/09/2009 alle 10:07:27, in Notizie, linkato 1510 volte)
Il limite minimo di età per poter considerare un’automobile come vettura storica potrebbe presto passare dagli attuali 20 ai 25 anni. Questa manovra rientra nel disegno di legge proposto dal senatore Filippo Berselli per regolamentare il settore delle auto storiche. Nelle prossime settimane, il testo verrà esaminato in Parlamento per poi essere trasformato in legge entro fine anno. Vista la delicatezza dell’argomento, l’avvocato Roberto Loi - Presidente dell’ASI, Automotoclub storico italiano - ha chiarito, soprattutto ai possessori di auto storiche, quali sono i punti salienti della nuova normativa. Loi ha dichiarato che “oggi sono considerate storiche le auto con almeno 20 anni, mentre in molti Paesi dell’Europa tale limite è fissato a 30 anni. Il nuovo limite d’età in Italia sarà aumentato a 25 anni. Tuttavia per le auto già certificate come storiche i diritti acquisiti saranno fatti salvi”. Inoltre, aggiunge il Presidente dell’ASI, “sarà conservata la possibilità di reimmatricolare una vettura storica priva di targhe e/o di documenti. Nel caso la vettura abbia le targhe ma sia priva di documenti, si potrà reimmatricolare conservando le targhe originali, senza doverle sostituire con quelle bianche d’ultima generazione, mentre sarà possibile immatricolare in Italia una vettura storica acquistata nell’Unione Europea conservando le targhe estere originali che, al momento, si devono sostituire con quelle italiane entro 12 mesi dall’importazione”. Infine, l’avvocato Loi conclude dicendo che “al momento alcune prove tecniche messe a punto per effettuare la verifica delle auto moderne e che nel corso delle revisioni periodiche difficilmente sarebbero superabili da alcune tipologie di vetture, si è deciso d’effettuare tali verifiche tecniche sulla base delle prescrizioni tecniche valide all’epoca della produzione delle vetture”. In passato, si era parlato anche dell’introduzione di un obbligo per le auto storiche nel dover effettuare la revisione esclusivamente presso uno dei centri prova del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il DDL che verrà presentato in Parlamento non dovrebbe contenere questa nuova norma, quindi sarà quasi certamente possibile continuare a revisionare le vetture presso i centri privati convenzionati con club di auto storiche. (Quattroruote)
 
(Inserito da: Redazione il 02/09/2009 alle 14:20:58, in Notizie, linkato 627 volte)
È una 500 molto strana quella che abbiamo visto parcheggiata davanti a un lussuoso albergo di Milano, il Four Season. L’abbiamo vista sabato scorso e si tratta di una specie di Fiat 500 C tender, certamente Castagna visto che il nome della carrozzeria milanese è visibile sul portatarga posteriore. Chi conosce le 500 dell’atelier riconoscerà la “mano”. A differenza del solito ci sono un bel po’ di particolari che incuriosiscono. Sulla fiancata sono ben visibili due bandiere incrociate: una italiana e l’altra libica; il che potrebbe farla sembrare un’auto speciale voluta da qualche magnate nord africano. Ma un altro dettaglio, stavolta sulla targa, mette in dubbio questa “semplice possibilità”: c’è un ‘40?, guarda caso il tempo trascorso dall’inizio della Rivoluzione libica che è stata festeggiata a Tripoli. Non senza polemiche… E poi, ancora, la colorazione verde, le scritte a caratteri arabi sul baule e molti altri piccoli dettagli fanno pensare a una specialissima 500 in onore del colonnello Gheddafi. Un regalo di qualcuno? Un regalo che lui stesso s’è voluto fare per una ricorrenza tanto importante? Chi lo sa. Neppure i diretti interessati nella realizzazione del modello hanno voluto risponderci, alimentando ancor di più la curiosità intorno a quest’auto. Che forse non avrebbe dovuto vedere nessuno... Al di là delle caratterizzazioni estetiche, questa 500 ha altre particolarità che la rendono più “speciale” del solito. Non ha, per esempio, il tubo di scappamento e sul muso, al posto del classico logo Fiat, c'è una strana scotchatura che potrebbe nascondere una presa per la corrente. È da qualche tempo che si parla di varianti elettriche della baby Fiat e questo esemplare essere un prototipo su cui si sta sperimentando la nuova tecnologia. Poi, ancora, la strana architettura della carrozzeria. La base di partenza dovrebbe essere la nuova 500 C visto il tetto di tela, ma le portiere e i parafanghi posteriori sono stati eliminati: al posto loro nulla, come succede sulle auto “di carrozzeria” realizzate per spiaggia e tempo libero. Abbiamo provato a rintracciarla attraverso canali non ufficiali ma, niente. Pare che l’auto non sia più nemmeno in Italia (guarda caso). L’auto “verde” ha dato, in ogni caso, il via a un “giallo”. (Top Gear Italia)
 
(Inserito da: Redazione il 26/08/2009 alle 18:11:07, in Notizie, linkato 672 volte)
Il Made in Italy è stato sempre molto apprezzato in tutto il mondo ed è indubbio ha sicuramente una marcia in più. Uno dei simboli del nostro Paese, la Fiat 500, vi stupirà ancora una volta, perché adesso potrete ammirare la 500 in tutti i migliori negozi di calzature e indossare il vostro modello preferito! La collezione di scarpe con il marchio 500 ha lanciato una linea colorata e curata nei minimi dettagli, capace di accontentare anche il cliente più difficile. Tutti pazzi per la Fiat 500 dalla testa... ai piedi! (Fans Blog)
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14
< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Titolo
Arte (1)
Attualità (2)
Cinema & Tv (1)
Comunicazioni (3)
Eventi (469)
Motori (1)
Notizie (131)
Pogea Racing (1)
Pubblicazioni (7)
Roma Cavalli (1)
Romeo Ferraris (1)
Sagre (1)
Tendenze (2)
Viaggi (1)

Catalogati per mese:
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Logo (1)

Le fotografie più cliccate

Titolo



06/12/2019 @ 06:12:43
script eseguito in 161 ms